Porcellane di Capodimonte I Borbone – chi siamo

Porcellane di Capodimonte I Borbone

 

porcellane di capodimonte i borbone - antonio fullin mollica

Per Antonio Fullin Mollica la scuola  finisce dopo l’istituto d’Arte a quasi vent’anni.

Tuttavia, già da un paio di anni trascorreva parte delle vacanze estive in fabbrica con il padre Giuseppe, scultore ed il nonno Cesare Mollica, che lo educano ai segreti ed alle tecniche della ceramica e della porcellana, dalla modellistica alla foggiatura, alla pittura.

Certo questo non lo scontentava, al contrario era affascinato da questo mondo ricco di creatività. Sarà per questo forse che già da piccolo l’amore per la ceramica e lo studio di esili sculture, lo faceva restare incantato ad ammirare le opere di tanti maestri italiani.

Nel breve volgere di una particolare stagione della sua vita, fu subito evidente che l’amore​ per l’Arte e per il bello lo avrebbe poi accompagnato sempre.

Oggi quest’amore ed energia è ancora la molla che lo porta a ricercare sempre nuove linee e forme che diano ad ogni creazione senso estetico ed armonia.

Per la tradizione artistica e innovativa che continua a perseguire mai appagato, i più qualificati critici ed estimatori da ogni parte del mondo lo ritengono ingegnoso ed unico.

 

Le Porcellane di Capodimonte dei Fullin Mollica

Capodimonte è una ridente collina di Napoli dove Carlo II, re delle due Sicilie, volle che oltre alla sua splendida reggia sorgesse nel 1739 la Real Fabbrica di Porcellane.

Nacque così l’arte delle ceramiche e porcellane di Capodimonte che ebbe infiniti trionfi ed i cui pezzi sono nei musei di tutto il mondo e nelle più ricche collezioni di Reali e privati.

Un oggetto di Capodimonte giunge nelle case nelle giornate più liete, quando si prepara un velo da sposa, quando si acquista una culla, quando si festeggia una data importante e chi ebbe in dono o comprò un autentico Capodimonte, anche se piccolo, non se ne priverà mai nella vita ma si affezionerà ad esso come alle cose più care.

E’ come se quei prodotti, completamente fatti a mano, con segreti  di lavorazione tramandati di generazione in generazione, vivessero la vita stessa dei loro ospiti quali silenziosi testimoni e compagni fedeli.

E’ forse il calore umano delle mani e del cuore del napoletano che, per divino e magico potere, rimane imprigionato nel pezzo e lo accompagna per sempre.

O forse Iddio, che con un soffio vitale diede vita ad un pezzo di argilla creando l’uomo, veglia su chi, con purezza di sentimenti, modella le paste argillose di Capodimonte.

Il valore dei pezzi autentici di Capodimonte è pertanto inestimabile, al di là dei pur altissimi valori raggiunti nelle aste di Sotheby’s o di Christie’s.

La produzione delle Manifatture dei Fullin Mollica, pur essendo estesa, è però sempre una produzione limitata giacché più che di stabilimento è il caso di parlare di grossa bottega d’arte dove il lavoro viene eseguito sempre con metodi tradizionali, dove non esiste né una macchina né un nastro trasportatore, dove i forni sono e rimarranno del vecchio tipo a muffola.

Nel visitare gli impianti sembra di fare un viaggio indietro nel tempo e solo un grande entusiasmo e sentimento permette ai numerosi artisti di lavorare spalla a spalla senza invidia e rivalità ma unicamente con spirito di emulazione.

Visita la pagina Collezioni per vedere la vasta gamma di Porcellane di Capodimonte firmate da I Borbone